www.cattedralepatti.it

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Coronavirus Covid-19: i dieci vescovi delle diocesi lombarde chiedono “Messe con il popolo nei giorni feriali”      Notizie Sir del giorno: Papa Francesco su “algor-etica”, task force su abusi, Mattarella, Oms e Commissione Ue su coronavirus, situazione in Italia su contagio, Irlanda, tragedia Brumadinho      Coronavirus Covid-19: Venezia, domenica messa in diretta tv e social del patriarca Moraglia alle 11. Campane a distesa alle 12      Infortuni sul lavoro: Forni (Anmil), “con aumento dei morti il 2020 parte davvero in modo tragico e, se il buongiorno si vede dal mattino, non abbiamo davvero di che gioire”      Coronavirus Covid-19: diocesi di Parma, da domenica 1° marzo possibile celebrare messe con le dovute cautele      Coronavirus Covid-19: Oms, “livello rischio globale molto alto ma possiamo contenerlo. Allo studio oltre 20 vaccini e diverse terapie”      Diocesi: Trento, rinnovata convenzione con l’Università per potenziare percorsi di collaborazione in attività di ricerca, didattica e divulgativa      Irlanda: oggi la “Giornata di preghiera per le vittime e i sopravvissuti” degli abusi sessuali. I vescovi, “chiediamo perdono per essere rimasti in silenzio”      Azione cattolica: Latina, a Cisterna in corso la festa sui diritti dei bambini per ricordare le piccole Alessia e Martina      Coronavirus Covid-19: Protezione civile, “821 le persone ammalate, 46 i guariti e 21 i deceduti”     

Il pane passava di mano in mano e restava in ogni mano

Stampa

Commento al Vangelo di Domenica XVII del Tempo Ordinario (anno B)

Gesù guarda la folla che numerosa si avvicina a Lui. Per Lui non si tratta di una massa anonima, ma sono persone con esigenze concrete, desideri vivi, bisogni reali. Nella pagina evangelica che tradizionalmente chiamiamo della moltiplicazione dei pani, pagina talmente importante che viene riportata da tutti e quattro gli evangelisti, colpisce la capacità di Gesù nel saper coinvolgere dentro il suo modo di guardare la realtà coloro che lo seguono. Infatti, si rivolge a Filippo e gli chiede cosa si possa fare per dare da mangiare alla folla. E suscita anche l'interesse dell'Apostolo Andrea che si accorge della presenza di un ragazzino con qualche panino in più rispetto al suo fabbisogno personale anche se si tratta in ogni caso di un quantitativo sicuramente insufficiente rispetto al bisogno di quella enorme folla. Quel ragazzino non tiene per sé ciò che ha; lo mette a disposizione di Gesù. Non perde tempo a ragionare se sia molto o se sia poco. È semplicemente tutto! E a questo punto, per una misteriosa regola divina, il "poco" messo a disposizione di Gesù improvvisamente si moltiplica. Quell'irrisorio quantitativo di pane, una volta condiviso con gli altri, diventa più che sufficiente per tutti.

Sulla terra c'è tanto di quel pane, tanto di quel cibo, che solo se non venisse sprecato e se si imparasse finalmente a saperlo condividere basterebbe a sfamare tutti.

Una osservazione conclusiva. Nel Vangelo non si parla mai di moltiplicazione, ma sempre di distribuzione. Distribuzione di un pane che man mano che veniva condiviso non si esauriva: "mentre passava di mano in mano, restava in ogni mano".

Questo accadde quel giorno, questo è quanto accade sempre, tutte le volte che non si è sedotti dalla logica dell'accumulo egoistico, ma si è conquistati dalla logica della fraterna condivisione; non si pensa solo a prendere per sé ma si riesce anche a condividere con gli altri.

Insomma è quanto puntualmente succede quando a guidare l'esistenza di ognuno è la regola evangelica e, realmente infallibile, della generosità.

p. Enzo Smriglio

Dedicated Cloud Hosting for your business with Joomla ready to go. Launch your online home with CloudAccess.net.