www.cattedralepatti.it

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Gesù è il Pane per la vita del mondo

Stampa

La pagina evangelica di questa domenica si apre con la "mormorazione" dei Giudei che non intendono accettare Gesù che afferma di essere disceso dal cielo e si chiude con la solenne affermazione dello stesso Gesù che dice apertamente: se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo.

I Giudei ritenevano di sapere già chi era e di chi fosse figlio Gesù e per questo non riuscivano a fare altro che "mormorare" perché praticamente erano incapaci di accettare i piani di Dio. Anche noi somigliamo ai Giudei del tempo di Gesù tutte le volte che non riusciamo a comprendere i piani di Dio perché magari non corrispondono pienamente ai nostri piani umani. E in questo modo rischiamo di non lasciarci "attrarre" dal Padre.

Gesù viene a ripetere sempre: nessuno può venire a me se il Padre non lo attira. Ciò significa concretamente che si può diventare cristiani solo per 'attrazione' da parte del Padre celeste. Non si può essere cristiani per semplice tradizione e neppure per una sorta di convenzione sociale.

Siamo cristiani in quanto attratti, affascinati, conquistati da un Dio che - come dice Padre Ermes Ronchi - è "buono come il pane, umile come il pane, energia inesauribile che alimenta la vita, ogni vita, tutta la vita".

Gesù ci dice: se uno mangia di questo pane vivrà in eterno.

Il verbo "mangiare" è un verbo strettamente legato alla vita e alla sopravvivenza di ognuno. E come insegna San Leone Magno, mangiare il corpo di Cristo equivale a trasformarci in quello che riceviamo. Potremmo anche dire che «mangiare il pane di Dio» non è altro che lasciarsi alimentare da Cristo e dal suo santo Evangelo. Ognuno provi a chiedersi: di che cosa mi nutro ogni giorno? Con che cosa alimento il mio cuore e i miei pensieri? La mia vita è nutrita di generosità, dedizione, bellezza, profondità?

Oppure è la superficialità, l'egoismo e le assortite meschinità ad alimentare i miei giorni, i miei sogni e i miei progetti? È chiaro che se la nostra vita di fede è costantemente alimentata dal Pane Santo dell'Eucaristia tutta la nostra esistenza sarà un lieto e coerente riflesso del Vangelo, se invece la nostra mente e il nostro cuore sono 'mal nutriti', cioè alimentati da "cibi inquinati", lontani dallo stile Eucaristico della donazione gratuita, potremo rischiare di essere fagocitati dalle bassezze più vergognose.

A Gesù, "pane vivo disceso del cielo" sia orientata tutta la nostra vita, ogni nostro progetto, tutte le nostre scelte. E sarà davvero, sin da adesso, esperienza di "vita eterna".

p. Enzo Smriglio

Dedicated Cloud Hosting for your business with Joomla ready to go. Launch your online home with CloudAccess.net.