www.cattedralepatti.it

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Disponibilità quotidiana per le confessioni in "Concattedrale"

Stampa

Da alcune settimane il Salone della Chiesa Concattedrale, dedicata ai Santi Marti­ri del XX Secolo, è stato temporaneamente destinato come spazio ritenuto ade­gua­to per la som­mi­ni­stra­zione dei vaccini “anticovid19” nel nostro territorio.

Co­me comunità ecclesiale non ci possiamo ritenere soddisfatti semplicemente per­ché abbiamo prontamente assicurato la nostra disponibilità nell’accogliere la ri­chiesta delle autorità sa­ni­ta­rie di avviare una ampia campagna vaccinale, per il tem­po che sarà necessario. Si è pensato allora alla possibilità di offrire anche un altro tipo di servizio, sicuramente più specifico alle finalità ecclesiali e non meno indi­spen­sa­bi­le per tutte le fasce d’età, cioè quello di assicurare la presenza di Con­fessori, pronti a celebrare il Sacramento della Riconciliazione a coloro che liberamente ne faranno richiesta.

A partire da lunedì 10 maggio 2021 “sotto” (nel Salone) si continuerà a som­mi­ni­strare il vaccino “anticovid19”, mentre “sopra” (in Chiesa) si comincerà ad amministrare un altro tipo di vaccino, altrettanto necessario e straordina­ria­men­te efficace, quello della Divina Misericordia.

Tale iniziativa vuole essere un servizio offerto a tutti, senza controindicazioni di nessun tipo, né limitazioni di dosi. E avverrà ogni giorno (da lunedì a sabato): di mattina dalle ore 9.30 a mezzogiorno; di pomeriggio dalle ore 16.00 alle ore 17.30.

Curare l’egoismo con la Misericordia è un vero percorso terapeutico di cui tutti – nessuno escluso - abbiamo bisogno e che a volte, anche inconsapevolmente, de­si­de­riamo, cerchiamo e attendiamo.

Ovviamente non si tratta di una proposta pastorale che entra in “concorrenza” con l’attività vaccinale di questo periodo e dei mesi a seguire perché siamo oltremodo consapevoli della necessità di arrivare, in tempi brevi, ad una vaccinazione capillare dell’intera popolazione, né la generosa disponibilità nell’ascolto delle confessioni vuole favorire - manco lontanamente - una eventuale e spiacevole men­talità sca­ra­man­­tica. Desideriamo soltanto evitare che la trascuratezza della nostra vita spi­ri­tuale, che inizia proprio con l’allontanamento dai Sacramenti, fi­ni­sca con l’e­spor­ci a tutti quei rischi che derivano dal progressivo indebolimento del “sistema immunitario” della nostra identità cristiana con tutte le conseguenze che non è affatto difficile immaginare e che per altro sono ben evidenti sotto i nostri occhi.

p. Enzo Smriglio    

Dedicated Cloud Hosting for your business with Joomla ready to go. Launch your online home with CloudAccess.net.