Foglietto del sesto giorno della Novena di Natale (21 dicembre 2018)

Stampa

Novena di Natale

Sesto giorno, venerdì 21 dicembre 2018

«Gioite ed esultate: un invito alla santità nel quotidiano»

Della Vergine Santissima l’Evangelista Luca ci dice che “si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa”. E’ bello sapere che non sia rimasta “seduta” ad autocompiacersi di essere stata scelta da Dio per diventare la Madre del Messia.

Chi è incontrato da Dio va’ naturalmente incontro agli altri, mettendosi a loro disposizione.

Il Papa ci ricorda che «Ogni cristano, nella mi­su­ra in cui si santifica, diventa più fecondo per il mon­do» (G.E. 33). E aggiunge: «Non avere paura di puntare più in alto, di ascarti amare e liberare da Dio. Non avere paura di lasciarti guidare dallo Spirito Santo. La santità non ti rende meno uma­no, perché è l’incontro della tua debolezza con la forza della grazia» (G.E. 34).

Proviamo a fare nostro questo concreto incoraggiamento di Papa Francesco e i frutti di santità s’intravederanno anche nella nostra vita.

IN PREGHIERA...

Vergine Madre,
stella luminosa del nostro cammino,
non permettere che il nostro passo s'attardi,
concedici di essere tranquilli e sereni
in mezzo alle tante prove della vita.
Ottienici la gioia di un cuore disponibile,
sempre pronto a saper intercettare
i bisogni reali dei fratelli.
Aiutaci a non rinviare mai a domani
quel poco di bene
che siamo in grado di fare oggi.
Veglia ogni giorno sui nostri passi
e aiutaci a capire
che non fare il male è sempre un bene,
ma che non fare il bene è sempre un male.
Amen.

(p. Enzo Smriglio)